Sommario: Numero 4 di ottobre-dicembre 1999

La stagione

Niente di nuovo sul fronte occidentale | pag. 2

Editoriale

Il raggiunto malessere del teatro ragazzi | pag. 3

Festival

perplessità sotto le stelle

La lunga estate dei festival | pag. 4

Quel che rimane delle rassegne estive è sempre poco, troppo poco. Quasi tutti gli spettacoli nascono e muoiono nel giro di una manciata di giorni, solo una minima parte sopravvive (qualcuno per caso, altri per consolidate strategie commerciali) e ritorna nella stagione invernale, e non sempre si tratta degli allestimenti migliori. Le risorse economiche e le sovvenzioni sono in calo, ma l’esercito dei teatranti non rinuncia, a costo di abbassare indecorosamente il tiro, alla sua piccola, raramente grande, fetta di esibizione en plein air. Ci si chiede quale debba essere la funzione di queste iniziative: passatempo “usa e getta” per turisti annoiati? vetrina dei cartelloni autunnali? momenti e luoghi di sperimentazione e di incontro tra addetti ai lavori? Forse una prassi non esclude l’altra, ma è anche vero che la tendenza generale è quella della dispersione delle energie in una miriade di microscopici spettacoli (ma a volte non si possono neanche definire tali) sostanzialmente superflui. Abbiamo fatto uno slalom tra differenti tipologie di festival alla ricerca, nel bene e nel male, dei lavori più significativi apparsi da nord a sud, da Cividale a Taormina, da Borgio Verezzi a Benevento passando per Asti, Santarcangelo e Polverigi.

Teatromondo

Avignone

Shakespeare superstar al Palazzo dei Papi | pag. 24

Oltre alla Tempesta diretta da Barberio Corsetti, in scena tre tragedie storiche del Bardo: Enrico V secondo Benoit, l’imponente Enrico IV per la regia di Collin e la versione freak di Genevieve de Kermabon del Riccardo III

Edimburgo

Il futuro della Scozia nel teatro del presente | pag. 26

Un’edizione caratterizzata dalla nuova drammaturgia dell’Irlanda, dei Paesi Baschi, affini per storia e vicende politiche

Londra

Dal college al palcoscenico con Pirandello e Campanile | pag. 27

Lo scorso aprile ha avuto luogo al Rudolf Steiner Theatre di Londra un evento spettacolare promosso dall’Italian Department dell’University College, una soirée grottesca, con assemblaggio di testi da Pirandello ai futuristi, da Campanile e Palazzeschi a Petrolini, recitati da attori inglesi e italiani, con drammaturgia e regia di Paolo Puppa, professore di storia del teatro nella veneziana Ca’ Foscari nonché commediografo.

Lirica

Maggio Musicale Fiorentino

Viaggio senza tempo nell’umana fragilità | pag. 28

MacerataOpera

Cio Cio San sotto sale | pag. 29

Rossini Opera Festival

A Pesaro Tancredi é donna | pag. 30

Oltre al bell’allestimento di Pierluigi Pizzi, debutta nella regia Moni Ovadia con Adina e ritorna lo “storico” Viaggio a Reims secondo Ronconi

Teatromondo

dalla Zisa a Berlino

Vecchi edifici per un nuovo teatro | pag. 32

La riprogettazione degli spazi trasforma, soprattutto all’est, la capitale tedesca – Sperimentazione architettonica e teatrale avviano la città verso la riconquista del suo perduto ruolo culturale

Exit

Elena Zareschi

La regina della tragedia che recitava “sulle punte” | pag. 34

Addio a Cucciolla

La magia di una voce che ci ha fatto sognare | pag. 35

Nati ieri

I protagonisti della giovane scena/1

Motus vivendi | pag. 36

a cura di Egumteatro

Teatro di figura

Arrivano dal mare!

Il burattinaio si mette il naso rosso da clown | pag. 39

Dossier

Dove va il teatro ragazzi

Ma che storia è questa | pag. 40

Passati gli anni ferventi dell’animazione in cui il teatro ragazzi era parte integrante della ricerca, oggi si stenta a rinnovare temi e chiavi di lettura e a stare al passo con l’immaginario del bambino

una riflessione

Difesa di un teatro che non serve | pag. 44

geografia teatrale

La scena dei ragazzi a region veduta | pag. 46

Nella mappa del teatro rivolto alle giovanissime generazioni, la fitta rete di compagnie sovvenzionate e di piccole vivaci formazioni in via di affermazione nel Nord Italia si dirada man mano che si scende lungo la penisola, presentando nel Sud solo qualche “rilievo” d’eccezione

rapporti con la scuola

Quando il teatro non aveva classe | pag. 52

fiabe in scena

Pollicino agli Inferi | pag. 54

Pura narrazione o vera e propria drammatizzazione, l’importante è che delle storie si ricerchino le ramificazioni nell’inconscio individuale e collettivo

la regista Quintavalla

Vent’anni di Letizia teatrale | pag. 56

Impegno drammaturgico, contaminazione dei codici espressivi e ricerca della semplicità caratterizzano da sempre quest’artista nata e cresciuta con il Teatro delle Briciole di Parma – che contribuì a fondare – e ora fuoriuscita per portersi dedicare a tempo pieno all’attività creativa

conversazione con Carlo Formigoni

L’opificio delle fiabe | pag. 58

«Molti miei spettacoli che hanno incontrato il favore dei bambini erano in realtà rivolti agli adulti» dice il regista che negli anni Settanta fonda a Milano una delle compagnie storiche di teatro ragazzi, il Teatro del Sole, e poi si trasferisce in Puglia dove crea il Kismet di Bari

Societas Raffaello Sanzio

Per selve oscure e ventri d’orchi | pag. 60

Dalla stalla con animali veri per le favole di Esopo al nero bosco-labirinto di Hänsel e Gretel, il particolare teatro infantile del gruppo di Cesena inteso come viaggio auditivo e sensoriale nelle nostre paure ancestrali

Stilema di Torino

Un osservatorio dei sogni infantili | pag. 62

La compagnia guidata da Silvano Antonelli, attraverso un confronto diretto e quotidiano con il mondo dei bambini, cerca di coglierne sentimenti e pensieri da portare poi in scena dando vita a una drammaturgia originale

Miloud Oukili

I sciuscià di Bucarest sono diventati clown | pag. 64

II Buratto dei Mantegazza

Velia e Tinin una partenza in tv | pag. 65

bambini attori

La scuola che si mette in gioco | pag. 66

Lenz Rifrazioni, Socìetas Raffaello Sanzio e Teatro delle Briciole: tre modi diversi di avvicinare il mondo dell’infanzia all’esperienza teatrale

a che punto siamo

Anni 90: viva l’organizzazione | pag. 68

Meno spirito di ricerca e più efficienza e stabilità sembrano essere le note dominanti dell’ultimo decennio – Se il teatro ragazzi sta vivendo un po’ di rendita, non mancano, però, le compagnie che hanno raccolto e fatto maturare le passate spinte innovative

A “piccoli passi” con Barbablù e Pinocchio | pag. 70

Josette Baiz, da Aix-en-Provence, pioniera del teatrodanza per e con i ragazzi – Timidi segnali dall’Italia: La Scuola di Ballo della Scala di Milano e quella del San Carlo di Napoli

Abbondanza – Bertoni

Il sogno d’infanzia di Nina e Tommaso | pag. 71

Critiche

Novità e riprese di inizio autunno | pag. 72

Testi

Affresco rinascimentale di Mario Angelo Ponchia | pag. 84

testo vincitore del Premio Vallecorsi 1999
leggi i testi ››

Fiori d’agave di Francesco Silvestri | pag. 85

Premio Hystrio 1999 alla drammaturgia
leggi i testi ››

Borgia, l’emblema del Male nell’anno del giubileo | pag. 99

La società teatrale

Notiziario

Tutta l’attualità nel mondo teatrale – Uilt – Teatro amatoriale | pag. 116

a cura di Anna Ceravolo

In copertina

Senza titolo, acrilico di Ferenc Pintér, 1999. | pag. 999

Hanno collaborato

| pag. 999

Paola Abenavoli, Carmelo Alberti, Chiara Angelini, Cristina Argenti, Nicola Arrigoni, Antonio Audino, Franco Belletti, Laura Bevione, Emanuela Binello, Simona Brunetti, Fabrizio Caleffi, Nicoletta Campanella, Laura Caretti, Mirella Caveggia, Rita Charbonnier, Alfonso Cipolla, Maria Comentale, Rudy De Cadaval, Marco De Marinis, Aldo de Martino, Renzia D’Incà, Mariano Dolci, Pierachille Dolfini, Valentina Esposito, Eva Franchi, Alessandra Galante Garrone, Gastone Geron, Gigi Giacobbe, Pierfrancesco Giannangeli, Stefano Giunchi, Cristina Grazioli, Paolo Guzzi, Stefano Jacini, Giuseppe Liotta, Ilaria Lucari, Lucia Lugaresi, Monica Magnani, Carlo Manfio, Stefania Maraucci, Massimo Marino, Antonella Melilli, Remo Melloni, Simona Morgantini, Italo Moscati, Pier Giorgio Nosari, Vincenzo Maria Oreggia, Valeria Ottolenghi, Pierpaolo e Ivan Palladino, Maria Pia Pes, Gianni Poli, Eliana Quattrini, Domenico Rigotti, Maggie Rose, Paolo Ruffini, Danilo Ruocco, Marina Spreafico, Alessandro Tacconi, Francesco Tei, Giovanna Verna.