Sommario: Numero 1 di gennaio-marzo 2000

Editoriale

Nel 2000 con tre fool | pag. 3

Vetrina

da Milano a Palermo

Il teatro si fa spazio | pag. 4

Piccolo censimento d’inizio millennio dei luoghi dello spettacolo inaugurati di recente: dalle sale di nuova costruzione come lo Stabile di Bolzano, agli edifici storici che rinascono dopo decenni di abbandono come l’anfiteatro romano di Lecce. Senza dimenticare quelli che, a causa di guerre per gli appalti, non riescono a portare a termine la ristrutturazione come la Fenice di Venezia

Roma

Scaccia trova casa all’ex San Genesio | pag. 6

Alto Adige

Il nuovo teatro unisce Bolzano e Bozen | pag. 7

Tecnologicamente all’avanguardia, l’edificio progettato da Zanuso sorge nel cuore della città e accoglierà anche uno Stabile di lingua tedesca

a Roma

L’India si trova alla Mira Lanza | pag. 9

Nuovi teatri lungo la via Emilia | pag. 10

Exit

la scomparsa di Orazio Costa

Un maestro dimenticato | pag. 12

È stato uno dei pochi registi italiani a raccogliere le grandi istanze riformatrici del teatro d’inizio Novecento e a condurre una personalissima e solitaria ricerca attorno ai problemi della parola poetica, della pedagogia e dei rapporti fra la scena e il sacro

il Metodo Mimesico

Aristocratica solitudine di un pedagogo | pag. 14

Odoardo Bertani

Un’invincibile passione teatrale | pag. 15

Speciale

Festival del Teatro d’Europa

All’est! All’est! | pag. 16

Alla grande rassegna, organizzata dal Piccolo di Milano, hanno partecipato dodici teatri stranieri, presentando diciannove spettacoli nell’arco di quasi due mesi. Non c’è che dire: il festival ha offerto una vasta panoramica della scena europea anche se alcune presenze ci sono parse giustificate più da una politica di scambio tra teatri stabili internazionali che da una scelta dettata da motivazioni artistiche. Ad ogni modo, quanto si è visto in scena muove due riflessioni. La prima è che le compagnie provenienti dall’Est europeo (Lituania, Russia e Ungheria) si sono rivelate straordinarie non solo per la qualità e la completezza dei loro attori ma anche per la capacità di radicare il testo sia esso classico o contemporeaneo nel terreno denso di umori della propria storia, arrivando talvolta ad attingere allo strato mitico che sottostà alla cultura di noi tutti. La seconda è, di converso, una certa esteriore, anche se sincera, ricerca della contemporaneità, in cui sembra essersi impelagata la scena occidentale. Insomma ci si sforza sì di riflettere la realtà di oggi, ma ciò che morde sguscia sempre via. A seguire solo le recensioni degli spettacoli stranieri, senza dimenticare che il festival, dedicato a Giorgio Strehler, si è chiuso con due spettacoli “storici” del Piccolo: Giorni felici e Arlecchino servitore di due padroni

Dossier

Eliseo un secolo di teatro | pag. 26

Arena all’aperto, cinema per i kolossal del muto, teatro di varietà e, dopo la ricostruzione del 1937, sede privilegiata della grande prosa, l’Eliseo, che compie i suoi primi cent’anni nel 2000, è uno dei più importanti e frequentati teatri della capitale

i primi decenni

In principio era Apollo | pag. 29

Dal 1900, anno della fondazione come Arena Nazionale, alla ricostruzione del 1937, l’Eliseo ospitò spettacoli di arte varia, operette, lirica, Grand Guignol e i primi kolossal della nostra cinematografia – Solo negli anni ’30 cominciarono ad affacciarsi alla sua ribalta i protagonisti della grande prosa, da Musco alla Borboni, dai De Filippo a Zacconi, Ruggeri, Melato e Gramatica fino alla Tofano-Maltagliati, che inaugurò il nuovo teatro nel gennaio del 1938

arte & botteghino

Vincenzo Torraca: impresario per caso | pag. 32

Filosofo, giornalista, intellettuale antifascista, piccolo imprenditore in una stireria per colletti inamidati, Torraca arriva all’Eliseo nel 1937 per salvare un amico dalla bancarotta e, per quarant’anni, ne rimane alla guida rivelandosi geniale uomo d’affari e di spettacolo

Quelle “Stanze” al terzo piano | pag. 34

Dall’inizio degli anni ’60, e per circa un ventennio, teatranti, intellettuali e politici si incontravano nelle “Stanze” dell’Eliseo, sorta di circolo, ristorante e soprattutto punto di riferimento obbligato per l’intellighenzia romana

la Compagnia dell’Eliseo

Un russo e due mattatori per la prima (semi)stabile | pag. 35

Voluta da Vincenzo Torraca, l’ensemble guidata da Gino Cervi e Andreina Pagnani fu la prima compagnia stabile italiana privata – Tra i componenti alcuni dei più grandi attori e registi degli anni a venire: Paolo Stoppa, Rina Morelli, Carlo Ninchi, Aroldo Tieri e Orazio Costa – Le regie shakespeariane di Pietro Sharoff

le regie di Visconti

Luchino, il rabdomante | pag. 38

Dagli splendori del shakespeariano Rosalinda o Come vi piace con le scene e i costumi di Dalì al realismo americano di Williams e Miller, che in qualche modo preannuncia la “scandalosa” messinscena dell’Arialda di Testori, Visconti allestisce all’Eliseo spettacoli memorabili soprattutto da Cechov e Goldoni – Stoppa, la Morelli, Gassman e l’“esordiente” Mastroianni sono gli attori-simbolo di un nuovo modo di fare teatro

Ettore Giannini o la nascita della regia | pag. 41

i De Filippo a Roma

Eduardo: quarant’anni in via Nazionale | pag. 44

Fin dalla metà degli anni’30 l’Eliseo fu la casa-teatro delle compagnie di Eduardo, che lì presentarono tutti i loro successi tra cui, clamoroso, Filumena Marturano con Titina protagonista

gli stranieri all’Eliseo

da Parigi a Roma sola andata | pag. 46

Nel secondo dopoguerra arrivano i francesi della Comédie, del Tnp di Vilar e della Compagnia Renaud-Barrault, ma sono il Living Theatre e Bob Wilson, negli anni ’60 e ’70 a infiammare il pubblico “borghese” della sala di via Nazionale

De Lullo-Falk-Guarnieri-Valli

E i Giovani trovarono casa… | pag. 47

L’esordio registico di De Lullo con Gigi coincide col debutto della Compagnia dei Giovani all’Eliseo, che diventerà la scena privilegiata di alcuni loro grandi successi: dal Diario di Anna Frank a D’amore si muore e Metti, una sera a cena di Patroni Griffi, fino agli intensi allestimenti pirandelliani

il Piccolo a Roma

Comunisti e milanesi sbarcano all’Eliseo | pag. 50

Tra gli anni ’60 e ’70, la sala di via Nazionale diventa la sede privilegiata nella capitale per gli spettacoli del Piccolo Teatro di Milano – Brecht, Bertolazzi, Neruda e Gorkij per le regie di Strehler

gli ultimi vent’anni

Mattatori alla riscossa (e il pubblico ci sta) | pag. 51

Due anni dopo la morte di Romolo Valli, debutta all’Eliseo I masnadieri secondo Lavia, che segna l’inizio di un decennio caratterizzato dal ritorno a un teatro mattatoriale neoromantico – Dal 1988 in poi, conclusa la direzione artistica di Lavia, la programmazione si indirizza su testi del nostro ’900 e sui nuovi autori italiani

Scaparro: Roma e l’Europa per l’Eliseo del 2000 | pag. 54

Romano di nascita, si è avvicinato al teatro proprio frequentando l’Eliseo degli spettacoli di Visconti e di Strehler, come spettatore prima e come critico poi – Il magistero di Romolo Valli e Paolo Grassi – Una lunga vita professionale nel teatro pubblico, in Italia e in Europa, prima di approdare alla direzione artistica del glorioso teatro di via Nazionale – Il sogno di una nuova compagnia formata da giovani e dedicata a un repertorio che affianchi il classico al contemporaneo, anche in una possibile proiezione europea – La convinzione che il teatro debba essere luogo aperto, anche fuori dalle “ore del culto”, per manifestazioni, incontri e “contaminazioni” con altri linguaggi dello spettacolo

Teatromondo

35 anni dell’Odin

Uniti e felici in Barba al tempo | pag. 59

Incontro a Holstebro con Julia Varley e Roberta Carreri, attrici “storiche” della compagnia danese

New York: novità della Monk

Opera da camera con extraterrestri | pag. 60

Londra

Full immersion nel teatro di Beckett | pag. 62

Un festival lungo un mese interamente dedicato allo scrittore irlandese: messe in scena tutte le sue opere

Nati ieri

protagonisti della giovane scena / 2

Le gabbie di ferro di un ingegnere e una sociologa | pag. 64

Seconda tappa del nostro viaggio nell’Italia del giovane teatro. Questa volta il compito di inviata speciale l’abbiamo affidato a Serena Sinigaglia, regista del gruppo A.t.i.r. Destinazione Bertinoro in Romagna, dove, nella cascina Ramo Rosso, ha sede il Gruppo di Lavoro Masque Teatro

Humour

foyer

Theatrical millenium bug. Hackers in cartellone! | pag. 67

Teatro di figura

decima edizione del premio

Pulcinella governa la Città dei ragazzi | pag. 68

Teatroragazzi

ricerca a Reggio Emilia

Cucù! E spunta il teatro | pag. 69

Vetrina Europa

Tutti i campi dell’arte confinano con Parma | pag. 69

Teatrodanza

Una città di profughi sulle orme di Enea | pag. 70

È la Roma dai mille sguardi quella che Pina Bausch ha omaggiato col suo ultimo spettacolo

a Palermo

Forsythe tra Balanchine e Bacon | pag. 70

Critiche

Tutte le recensioni della prima parte della stagione | pag. 72

Goethe protagonista dell’autunno teatrale e Pro & Contro: Zio Vanja secondo Tiezzi
leggi le critiche ››

anniversari

Goethe: 250 anni ben portati | pag. 73

Dall’Urfaust secondo Scaparro alle marionette dei Colla, passando per la Fura dels Baus, due messinscene delle Affinità elettive e una dalle Elegie romane, il grande autore tedesco è stato protagonista dell’autunno
leggi le critiche ››

Biblioteca

Le novità editoriali | pag. 96

Testi

Bonsai di Luigi Salciarini | pag. 98

Premio speciale UNITRE – Opera segnalata al Premio Nazionale Teatrale “Eduardo De Filippo”, edizione 1999
leggi i testi ››

Quel minuscolo oggetto del desiderio | pag. 101

Il canto dell’allodola (Caterina Benincasa da Siena) di Eva Franchi | pag. 108

Un attuale messaggio d’amore oltre i confini di ogni fede | pag. 111

La società teatrale

Notiziario

Tutta l’attualità nel mondo teatrale – Uilt – Teatro amatoriale | pag. 126

a cura di Anna Ceravolo

Diserzioni illustri alla Convention dell’Agis | pag. 127

In copertina

Eliseo: un secolo di teatro, acrilico di Ferenc Pintér, 1999. | pag. 999

Hanno collaborato

| pag. 999

Paola Abenavoli, Chiara Angelini, Antonio Audino, Massimo Bertoldi, Laura Bevione, Fabrizio Caleffi, Nicoletta Campanella, Mirella Caveggia, Giovanna Checchi, Renzia D’Incà, Eva Franchi, Franco Garnero, Gastone Geron, Alessandra Ghiglione,Gigi Giacobbe, Roberto Giambrone, Maurizio Giammusso, Pierfrancesco Giannangeli, Maria Grazia Gregori, Paolo Guzzi, Maria Chiara Italia, Giuseppe Liotta, Ilaria Lucari, Stefania Maraucci, Massimo Marino, Laura Meini, Antonella Melilli, Simona Morgantini, Laura Musso Santini, Alessandra Nicifero, Pier Giorgio Nosari, Valeria Ottolenghi, Paolo Petroni, Angelo Pizzuto, Paolo Emilio Poesio, Gianni Poli, Domenico Rigotti, Paolo Ruffini, Danilo Ruocco, Luigi Salciarini, Aggeo Savioli, Serena Sinigaglia, Ubaldo Soddu, Alessandro Tacconi, Francesco Tei, Renzo Tian, Giovanna Verna, Ettore Zocaro.