Sommario: Numero 3 di luglio-settembre 1997

Editoriale

La restaurazione e la legge

| pag. 3

Vetrina

La festa e i problemi

Il Piccolo in alto mare come un battello ubriaco

| pag. 4

La manifestazione del Cinquantenario sono state schegge di memoria che hanno celebrato il passato del maggiore Stabile italiano, i meriti di Strehler e il ruolo avuto da Paolo Grassi – Ma l’insieme delle celebrazioni non ha saputo aprirsi sul futuro, e si è conclusa nella confusione con il “me ne vado” del Maestro, le dimissioni di Lang, la decisione dell’amministrazione Albertini di fare rivedere i conti dell’Università Bocconi e la richiesta di programmi commisurati alle risorse – Confusione sull’identità dell’istituzione (Teatro pubblico, Teatro Nazionale, Teatro d’Europa?) e sulla ripartizione dei compiti fra Comune e Presidenza del Consiglio – Occorre ripartire da una coraggiosa autocritica, da una volontà di rinnovamento che implica un nuovo statuto, da un consiglio d’amministrazione autorevole, da un piano di attività a lungo termine, da un ricambio manageriale e da una ritrovata unità tra le forze della cultura milanese.

L’edizione del Cinquantenario

Fra le ombre delle maschere Arlecchino scappa nel futuro

| pag. 6

Una “prova d’autore” con i giovani intorno al sempreverde Soleri e a Mauri-Brighella

Milva canta Brecht

| pag. 7

| pag. 7

Rosalina Neri ricorda Carpi | pag. 7

Carpi: se ne va in silenzio l’anima musicale del Piccolo

| pag. 8

Strehler recita Louis Jouvet

| pag. 8

Russia perduta da Galin e Dodin

| pag. 8

L’altra metà di Strehler

Paolo Grassi ritrovato

| pag. 9

La sua figura forte, autorevole, appassionata è uscita dall’ombra in occasione del Cinquantenario – Insieme al rimpianto per l’organizzatore, il propagandista e il manager insostituibile che, la fianco di Strehler “l’artista”, seppe fare della piccola sala di Via Rovello il centro del teatro italiano – Diceva: “L’efficienza pura è degli idioti; non credo all’efficienza che non sia sostenuta da una ragione morale”.

Un libro racconta la passione teatrale di Grassi e Strehler

| pag. 10

Il Piccolo Teatro di Milano – Cinquant’anni di cultura e spettacolo, Leonardo Arte editrice. Il volume, scritto “dall’interno” da Maria Grazia Gregori, attinge alla memoria collettiva della comunità di Via Rovello e finisce per mostrarci la natura segreta del regista, compresa la solitudine ferita degli ultimi tempi.

Dopo Trieste

Le catacombe dei nuovi autori nel Basso Impero della scena

| pag. 12

La nostra drammaturgia contemporanea è un “Medioevo” di segnali non ancora ben definiti, una mappa dell’indistinto sottovalutato o addirittura ignorato dalla burocrazia dello Spettacolo e da troppi Stabili – Al teatro del tempo presente si chiede di aspettare – ma quanto? – il “miracolo” della legge Veltroni; e intanto si continua a chiacchierare in astratto – All’estero gli autori scrivono “dentro” il teatro, da noi sono isolati e confusi fra l’arsenale dei miti e gli stimoli della realtà – Il Premio Idi non assegnato e le proposte per una svolta.

Novità italiane

Drammaturgia no stop: maratona a Trieste | pag. 15

Quarantadue spettacoli in un mese alla seconda edizione del Festival della Drammaturgia Contemporanea organizzato dallo Stabile del Friuli-Venezia Giulia – Tra gli autori rappresentati: Bassetti, Santanelli, Cappuccio, Cavosi, Nediani, Fiore e Però.

Documento per la legge

Gli autori italiani: ecco i nostri diritti | pag. 16

Obbligo di programmazione di testi contemporanei per accedere ai finanziamenti pubblici e destinazione per la nuova drammaturgia di parte dei proventi delle opere di pubblico dominio – Contributi alle Agenzie teatrali specializzate – Riforma finalizzata dell’Eti e dell’Idi e sostegno del teatro amatoriale.

Carte segrete

Giuliano Zincone columnist e drammaturgo dimezzato | pag. 18

“Volevo fare l’uomo di spettacolo, poi ho scritto romanzi, inchieste e sono finito commentatore, ma…” – Una tesi di laurea su Artaud e testi degli anni Sessanta, uno rappresentato al Piccolo di Milano, oggi ripubblicati – Il giornalismo può essere teatro.

Pontedera

Le amazzoni di Salmon e un omaggio all’Odin | pag. 19

Riapre il Modena

Genova ha un teatro in più | pag. 20

Affidato alla giovane e vivace Compagnia dell’Archivolto guidata da Gallione e la Rando.

Exit

Addii

Ci hanno lasciato: Paolo Panelli, Gino Pernice, Renzo Montagnani | pag. 21

Vetrina

I teatri che cambiano

| pag. 22

L’Eliseo di Scaparro: una casa del teatro – Lavia a Torino: una Stabile aperto a tutta la città – La scena a due piazze di Maurizio Costanzo

I maestri

Pagina e scena

La passione quasi segreta di Consolo per il teatro | pag. 24

Lunaria, Premio Pirandello, e Catarsi, scritta per lo Stabile catanese, sono le sue sole opere teatrali. Ma non si tratta di esperienze casuali: sono i segni evidenti di una teatralità che si è manifestata anche in Retablo e nelle altre prove narrative dello scrittore siciliano.

Teoria

Semiotica delle avanguardie

Dal testo come spettacolo allo spettacolo come testo | pag. 26

Il processo di unificazione testo-messinscena-pubblico è profondamente cambiato – La sperimentazione teatrale in Italia in rapporto con le ricerche degli altri Paesi.

Vetrina

Psicodramma: sulle tracce di Moreno

Curarsi in scena: istruzioni per l’uso | pag. 28

Come la danza, la pittura e il canto anche la recitazione è un’arte con virtù terapeutiche – Jacob Moreno e l’”invenzione” a Vienna dello psicodramma negli anni Venti – Le elaborazioni simboliche della scuola junghiana – L’archetipo del mandala tibetano.

Teatrodanza

Lampi di primavera

Kresnik, Bejart e Spoerli: furore e passione d’oltralpe | pag. 30

In evidenza nell’ultimo scorcio di stagione Frida Kahlo, A propos de Shéhérazade, Le presbythère e le Goldberg Variationen – Convincono poco le produzioni italiane: Orlando all’Opera di Roma e Apollo e Dafne al Maggio Fiorentino.

Teatropoesia

Pasticciaccio in tv del Gran Lombardo | pag. 33

Festival

Giro d’Italia dei Festival | pag. 34

Oltre alle rassegne tradizionali – Spoleto, Taormina, Verona e la Versilia – vivace presentazione di nuovi gruppi sperimentali non soltanto a Santarcangelo e ad Asti – La fantasia si scatena nella ricerca dei luoghi e degli ambienti –-Shakespeare sempre protagonista -Segnali nuovi al Mittelfest e “prove d’esame” per molti giovani autori – Autrice d’eccezione la quasi centenaria Nathalie Serraute – Alla seconda edizione il festival Magna Grecia

Inchiesta

Dossier/3

Scenografia Oggi | pag. 41

L’inchiesta di Hystrio sulla situazione dell’arte scenografica è alla sua terza puntata. Quali sono le condizioni dello scenografo nel teatro d’oggi, in Italia? Qual’è il suo rapporto attuale con il suo regista? Quali sono i condizionamenti della produzione e della circuitazione sulla sua creatività? In quale misura l’apporto alle nuove tecnologie modifica la progettazione di un impianto scenografico? Sono evidenti, nell’arte di costruire un décor, gli influssi delle ultime avanguardie?

La nostra inchiesta si è articolata su queste domande, alle quali hanno risposto molti addetti ai lavori, che ringraziamo per la loro partecipazione. Dopo le risposte di Bertacca, Ceravolo, Damiani, Diappi, Gregori, Giglielminetti, Luzzati, Milopulos, Pier’Alli, Pomodoro e Taddei, l’inchiesta – affidata ad Anna Ceravolo – prosegue in questo numero con gli interventi di Balò, Buti, Crisolini Malatesta, Galdo, Gauli, Mannini, Palli, Panni, Rebaudengo, Sabounghi.

Bagnara e i fasti della Fenice | pag. 48

Humour

Foyer | pag. 49

Inchiesta

Oltre la crisi

La “Paolo Grassi” in marcia per diventare una fondazione | pag. 50

Mario Raimondo, nuovo direttore della scuola milanese, indica i tempi e i modi per superare un biennio in crisi – Un triennio per passare da laboratorio di ricerca a centro di formazione senza steccati cultural-politici in un rapporto di cooperazione fra il Comune e i privati.

Alla D’Amico

Gregoretti: non sarò più un presidente fantasma | pag. 52

Dopo un periodo di ridotta disponibilità il successore di Pedini si impegna a studiare i problemi dell’Accademia, in un contesto nel quale il ruolo dell’attore è cambiato.

Due secoli di vita

Primato di longevità in Occidente: i Filodrammatici | pag. 53

Scuole

Danza: oltre alla Scala a Milano c’è il Carcano | pag. 54

Con la scuola di danza diretta da Aldo Masella, e che affianca qualla di teatro, il teatro milanese ritorna in un certo senso alle origini – Nessuna conflittualità, anzi collaborazione con la scuola scaligera.

Teatromondo

Forum di Saint-Etienne

Il Teatro d’Europa? Rinasce, ma “dal basso” | pag. 55

L’incontro svoltosi al Castello d’Urfé, nella Loira, per il conquantenario della Comédie di Saint-Etienne ha mostrato che le forze nuove del teatro non credono più a progetti istituzionalizzati come il Théâtre de l’Europe, ma lavorano per intese soprannazionali, senza modelli statalisti, orientamenti decisi dall’alto, bardature burocratiche, per una gestione diretta della casa teatrale.

Dalla Francia

Les enfants du paradis: meglio al cinema che in scena | pag. 57

Claude Régy e Deborah Warner mettono in scena con successo La Mort de Tintagiles di Maeterlinck e Casa di bambola di Ibsen, mentre il giovane Stanislas Norday propone J’etais dans ma maison…di Lagarce – Adam et Eve di Grumberg e Le siège de Leningrad di Sinisterra, ovvero il “comunismo perduto” con ironica disillusione

Organizzato da “Ulysse”

Scrittura e traduzioni teatrali alle giornate europee di Orléans | pag. 57

Dall’Inghilterra

Addio a Hong Kong fra Brecht e Hare | pag. 58

In scena l’evento storico del ritorno alla Cina dell’ex-protettorato – Al National Theatre The Caucasian Chalk Circle e Amy’s View con la regia di McBurney ed Eyre – Compagnie di diciassette nazioni in scena al Lift.

Dall’Irlanda

Al Pinter Festival l’autore è attore | pag. 59

Quattro spettacoli (The Collection, Ashes to Ashes, A Kind of Alaska e No Man’s Land), incontri, letture e film alla seconda edizione della rassegna dublinese.

Dublino

Scrittore in crisi e figlia afasica: l’ultimo discusso dramma di Friel | pag. 60

Dalla Germania

Amburgo sbanca tutti agli incontri berlinesi | pag. 62

Tre gli spettacoli dalla città anseatica ai Theatertreffen: oltre al Triumph der Illusion di Corneille, regia di Bachmann, e a un testo austriaco messo in scena da Thirza Bruncken, Kasimir und Karoline di Horvàrth e Lina Böglis Reise diretti da Christoph Marthaler – Berlino rappresentata da Des Teufels General di Zuckmayer. Fuori rassegna Teorema di Pasolini secondo Kresnik e un banchetto futurista.

Da Buenos Aires

Lo sguardo perplesso dell’autore argentino | pag. 64

Tradizione e rinnovamento nella nuova drammaturgia, che viene incoraggiata da interventi pubblici e privati – Interesse per il minimalismo di Daniel Veronese.

Argentina

Tornano le Faulkland sulle scene di Baires | pag. 65

Ricco e vivace il cartellone della capitale: da Bar Ada opera prima di Leyes e Los Siete Locos, riduzione dal celebre racconto di Arlt a Master Class di McNally con Norma Leandro – Imminenti debutti: La trilogia della villeggiatura di Goldoni e Preferirei di no di Antonia Brancati.

Da Montreal

L’identità del Quebec comincia dai ragazzi | pag. 66

Giovani compagnie alimentano un repertorio per il pubblico giovane del Canada francese. Dove gnomi e fate sono sostituiti da personaggi che appartengono al mondo d’oggi.

In fondo alla strada per Eva Franchi c’è Seoul | pag. 67

Da Mosca

L’uragano della passione su Casanova e Katerina | pag. 68

Al Teatro d’Arte, che nel ’98 festeggia i suoi cent’anni, Efremov mette in scena Tre sorelle di Cechov, mentre Kozak cura Il matrimonio di Gogol’ – Il capolavoro di Ostrovskij con la regia della Janovskaja e una giovane rivelazione – Il libertino veneziano visto da Marina Cvetaeva all’Ermitaz, regista Levitin.

Critiche

Tutte le prime teatrali della stagione | pag. 70

Biblioteca

Una biografia

Schnitzler e il Gran Teatro nella Vienna di fin-de-siècle | pag. 101

“Gemello psichico” di Freud, esploratore geniale del medioconscio, inquieto e tormentato come Pirandello, la sua importanza sulla scena europea è stata da noi tardivamente riconosciuta – Il bel ritratto di Giuseppe Farese gli rende giustizia.

Un libro di Celati

Vecchiatto: giustizia postuma per l’attore dalle suole di vento | pag. 102

Testi

Poliziano di Mario Verdone

| pag. 103

Dramma in un atto da un manoscritto incompiuto di Edgar Allan Poe adattato e completato da Mario Verdone
leggi i testi ››

La società teatrale

Notiziario

Tutte le novità nel mondo del teatro: premi, corsi, concorsi. | pag. 112

a cura di Anna Ceravolo

In copertina

Lev Kropivnickij, Blooming Rod II (olio, 1989) | pag. 999

Hanno collaborato

Collaboratori | pag. 999

Paola Abenavoli, Carmelo Alberti, Guido Almansi, Costanza Andrfeucci Donizetti, Chiara Angelini, Giovanni Antonucci, Daniela Ardini, Cristina Arma, Nicola Arrigoni, Georges Banu, Raffaella Battaglini, Marco Bernardi, Massimo Bertoldi, Magda Biglia, Andrea Bisicchia, Andrea Bisicchia, Maricla Boggio, Furio Bordon, Marco Brogi, Eugenio Bonaccorsi, Fabrizio Caleffi, Laura Caretti, Valeria Carraroli, Ezio Maria Caserta, Mirella Caveggia, Carmelita Celi, Francesca Cersosimo, Rita Charbonnier, Giovanna Checchi, Giampaolo Chiarelli, Maura Chinazzi, Paola Cinque, Franco Cordelli, Anna Cremonini, Filippo Crispo, Bruno Damini, Domenico Danzuso, Rudy De Cadaval, Luca De Fusco, Maura Del Serra, Renzia D’Incà, Alessandra Di Tommaso, Federico Doglio, Rocco D’Onghia, Fabio Doplicher, Claudio Facchinelli, Vico Faggi, Sabrina Faller, Stefano Fava, Gilberto Finzi, Franco G. Forte, Eva Franchi, Franco Garnero, Sandro M. Gasparetti, Luisa Gazzero Righi, Gastone Geron, Gigi Giacobbe, Pierfrancesco Giannangeli, Angela Gorini Santoli, Enrico Groppali, Livia Grossi, Cristina Gualandi, Furio Gunnella, Raffaella Ilari, Carlo Infante, Marco Lamberti, Lia Lapini, Marina Leonardini, Luciana Libero, Giuseppe Liotta, Ilaria Lucari, Paolo Lucchesini, Mario Luzi, Giuseppe Manfridi, Silvio Manini, Laura Mansini, Anna Luisa Marrè, Silvia Mastagni, Laura Meini, Antonella Melilli, Rossella Minotti, Fanny Monti, Giuliana Morandini, Simona Morgantini, Piergiorgio Nosari, Valeria Ottolenghi, Vincenzo Maria Oreggia, Ileana Orsini, Francesca Paci, Fabio Pacelli, Walter Pagliaro, Claudia Pampinella, Valeria Paniccia, Gabriella Panizza, Carlo Maria Pensa, Alfio Petrini, Carmelo Pistillo, Angelo Pizzuto, Paolo Emilio Poesio, Gianni Poli, Mario Prosperi, Giorgio Pullini, Paolo Puppa, Eliana Quattrini, Monica Randaccio, Giancarlo Ricci, Domenico Rigotti, Gianfranco Rimondi, Maggie Rose, Aldo Selleri, Giorgio Serafini, Mao Sforni, Ubaldo Soddu, Stefano Sole, Matteo Tarasco, Framncesco Tei, Luigi Testaferrata, Francesca Tranfo, Cristina Ventrucci, Valentina Venturini, Lucio Villari, Ettore Zocaro.

 

Dall’esteroCarlotta Clerici (Parigi), Gabriella Giannachi e Alessandro Nigro (Londra), Bianca M. Battagion (Berlino), Grazia Pulvirenti (Vienna), Mariateresa Zoppello (Budapest), Giacomo Oreglia (Stoccolma), Giusi Danzi (Buenos Aires), Denise Agiman Orvieto (Montreal).