Seminario Per un pugno di dollari: come trovare risorse per le proprie attività


Per un pugno di dollari: come trovare risorse per le proprie attività
il tempo della crisi

6>8 novembre 2020 – online

Per un pugno di dollari: come trovare risorse per le proprie attività, organizzato da Hystrio, è il seminario rivolto a quanti, fra gli operatori teatrali, si occupano di cercare e trovare risorse per realizzare i progetti del proprio teatro, della propria compagnia, della propria associazione. In questa stagione critica per l’intero comparto dello spettacolo dal vivo, proveremo, attraverso l’esperienza dei docenti – tutti professionisti, a fornire un quadro chiaro e preciso di come orientarsi nella ricerca di finanziamenti, descrivendo i principali canali e fornendo gli strumenti fondamentali per muoversi: i rapporti con gli enti e istituzioni pubbliche, le possibilità internazionali, le opportunità di fundraising e i rapporti con i privati, le fondazioni bancarie, con un modulo specifico dedicato alla progettazione.

Dove: il seminario si svolgerà online sulla piattaforma Zoom. Agli iscritti verrà fornito un link di accesso.

Quando: 6>8 novembre 2020

I docenti: Martina Beria (Eukey.org), Marco Fusar Poli (Piccolo Teatro di Milano), Andrea Paolucci (Teatro dell’Argine), Andrea Rebaglio (Fondazione Cariplo), Vittorio Renuzzi (Ceo Compagnia della Corte).

Argomenti del corso:
Martina Beria, Una nuova sostenibilità: ridisegnare i propri servizi e stringere nuove alleanze (il Funding mix)
Vittorio Renuzzi, Il progetto: dal budget al quadro logico
Andrea Rebaglio, Le fondazioni bancarie, chi sono, dove sono, come operano
Martina Beria, Lo sguardo europeo: Europa 21-27 e Agenda di Sviluppo Sostenibile Mondiale 2030
Marco Fusar Poli, Finanziamenti da privati: sponsorship, progetti speciali, attività di fundraising
Andrea Paolucci, Istituzioni e territorio: valorizzare le relazioni (case history)

Orario delle lezioni
Venerdì 6 novembre 2020
ore 9:00 inizio seminario, collegamenti e accoglienza
ore 9:30-11:30 Martina Beria, Una nuova sostenibilità: ridisegnare i propri servizi e stringere nuove alleanze (il Funding mix)
ore 11:45-13:45 Marco Fusar Poli, Finanziamenti da privati: sponsorship, progetti speciali, attività di fundraising

Sabato 7 novembre 2020
ore 9:30-11:30 Vittorio Renuzzi, Il progetto: dal budget al quadro logico
ore 11:45-13:45 Martina Beria, Lo sguardo europeo: Europa 21-27 e Agenda di Sviluppo Sostenibile Mondiale 2030

Domenica 8 novembre 2020
ore 9:30-11:30 Andrea Rebaglio, Le fondazioni bancarie, chi sono, dove sono, come operano
ore 11:45-13:45 Andrea Paolucci, Istituzioni e territorio: valorizzare le relazioni (case history)

Costo: € 140 (seminario + abbonamento cartaceo), € 120 (seminario + abbonamento digitale). Il costo comprende la frequenza a tutti i moduli del corso, il materiale didattico fornito dai docenti, un abbonamento annuale alla rivista Hystrio (abbonamento in formato cartaceo del valore di 40 € oppure in formato pdf del valore di 20 €).

Modalità d’iscrizione:
inviare una email a segreteria@hystrio.it indicando il proprio interesse e i propri dati, poi procedere al pagamento della quota di iscrizione. Il seminario si svolgerà al raggiungimento del numero minimo di 15 partecipanti.

– bonifico sul conto corrente:
Codice Iban IT66 Z076 0101 6000 0004 0692 204, intestato a: Hystrio – Associazione per la diffusione della cultura teatrale, Olona 17, 20123 Milano.
Causale: seminario Hystrio – novembre 2020
– versamento tramite bollettino su c/c postale n. 40692204 intestato a: Hystrio – Associazione per la diffusione della cultura teatrale, via Olona 17, 20123 Milano.
Causale: seminario Hystrio – novembre 2020

Per informazioni:
Hystrio – redazione e segreteria
via Olona 17, 20123 Milano
tel. 02.40073256
email: segreteria@hystrio.it

 

Argomenti dei moduli di lezione e bio docenti

 

Una nuova sostenibilità: ridisegnare i propri servizi e stringere nuove alleanze, a cura di Martina Beria
Non esistono ricette universali per garantire i fondi alle nostre iniziative. Oggi più di ieri siamo chiamati ad essere creativi per stringere nuove alleanze, entrare in contatto con i pubblici e le comunità e ricostruire i sensi di un’azione culturale diffusa. Il modulo prevede focus su audience engagement, interdisciplinarietà, strategie per il funding mix e casi di studio ispirazionali dall’Italia e dal Mondo.

Martina Beria (laurea in Filosofia, Master in Teatro Sociale e di Comunità), progettista culturale specializzata in processi partecipativi. Esperta nella mobilitazione di fondi pubblici nazionali ed europei diretti relativi a cultura, sfide sociali, innovazione e ricerca. Consulente nei processi di internazionalizzazione delle organizzazioni culturali e del terzo settore. Project designer esperta di sviluppo di comunità, audience development, innovazione sociale, creatività e capacity building. Project Manager per il settore culturale e creativo con un forte background pratico in ambito interculturale e sociale in Italia e in Europa.

 

Dall’idea al finanziamento, il progetto come strumento essenziale, a cura di Vittorio Renuzzi
Nel corso dell’incontro verranno presentati i principali strumenti di progettazione adatti a rendere solida, sostenibile e condivisibile un’idea fino a farla diventare un progetto presentabile a finanziatori o portatori di interesse in genere. Attraverso un esempio pratico e interattivo si illustreranno i passaggi necessari e gli aspetti fondamentali per la redazione di un progetto culturale.

Vittorio Renuzzi si occupa da oltre quindici anni di ideazione, redazione e gestione di progetti culturali per enti no profit, con particolare attenzione alla gestione tanto dei problemi connessi agli aspetti artistici quanto di quelli legati alla realizzazione pratica dei progetti culturali. Ha partecipato come consulente alla stesura, presentazione e rendicontazione di progetti finanziati da fondazioni bancarie, enti pubblici, Comunità Europea. È socio fondatore e CEO di Compagnia della Corte di Pavia.

 

I progetti speciali: le partnership con istituzioni pubbliche e aziende, a cura di Marco Fusar Poli
Dalla sponsorship alla partnership, ai progetti di marketing territoriale, il rapporto tra impresa e cultura si è fatto sempre più complesso. Analizzeremo alcuni casi interessanti di progetti speciali realizzati dal Piccolo Teatro per comprendere come le partnership con istituzioni pubbliche e aziende possano essere fonte di finanziamento per i progetti culturali.

Marco Fusar Poli lavora all’Ufficio Comunicazione e Marketing del Piccolo Teatro di Milano. Entra al Piccolo nel 2004 come allievo Amministratore di Compagnia mentre conclude gli studi del Corso per Operatori dello Spettacolo e delle Attività Culturali della Scuola d’Arte drammatica “Paolo Grassi” di Milano. Nel corso degli anni si è specializzato nel seguire e curare i progetti speciali prodotti dal Piccolo o che hanno visto lo stabile milanese collaborare con istituzioni pubbliche e private. Da quest’anno cura il settore fundraising del Teatro.

 

Europa 21-27 e Agenda di Sviluppo Sostenibile Mondiale 2030, a cura di Martina Beria
I fondi diretti del prossimo settennio europeo e gli SDG’s per orientare strategicamente le nostre scelte. Aspettative, anticipazioni e suggerimenti per essere pronti a tutto. Il modulo comprende focus su network tematici, european cultural foundation e altre opportunità di collaborazione, coaching e mobilità internazionale.

Martina Beria (laurea in Filosofia, Master in Teatro Sociale e di Comunità), progettista culturale specializzata in processi partecipativi. Esperta nella mobilitazione di fondi pubblici nazionali ed europei diretti relativi a cultura, sfide sociali, innovazione e ricerca. Consulente nei processi di internazionalizzazione delle organizzazioni culturali e del terzo settore. Project designer esperta di sviluppo di comunità, audience development, innovazione sociale, creatività e capacity building. Project Manager per il settore culturale e creativo con un forte background pratico in ambito interculturale e sociale in Italia e in Europa.

 

Fondazioni bancarie e sostegno alla cultura: chi sono, dove sono e come operano, a cura di Andrea Rebaglio
La testimonianza/lezione è incentrata sull’attività delle fondazioni di provenienza bancaria in ambito culturale e più in particolare sulle strategie di intervento di Fondazione Cariplo. Verranno poi illustrate ai presenti alcune iniziative dedicate al sostegno dell’impresa culturale.

Andrea Rebaglio lavora dal 2000 presso l’Ufficio Attività Filantropiche di Fondazione Cariplo e si è occupato di molteplici iniziative dedicate al mondo della cultura giovanile: dal progetto LAIV – Laboratorio delle Arti Interpretative dal Vivo, al progetto Être – Esperienze teatrali di residenza; dal bando Valorizzare la creatività giovanile in campo artistico e culturale, fino al più recente progetto fUNDER35 – il fondo per l’impresa culturale giovanile. Dal 2009 è Vice Direttore dell’Area Arte e Cultura.

 

Valorizzare le relazioni, recuperare risorse e stringere alleanze fuori dagli schemi (case history), a cura di Andrea Paolucci

Come trovare committenti e risorse produttive fuori dal sistema teatrale. Come mettere le nostre competenze a disposizione del mondo profit e del terzo settore, senza snaturare il contributo artistico delle nostre proposte. Una rapida carrellata di casi di successo che hanno saputo coniugare arte e sostenibilità economica “alternativa”.

Andrea Paolucci, regista, classe 1969, bolognese. Nel 1994 insieme a una ventina di giovani artisti fonda la Compagnia del Teatro dell’Argine di cui è direttore artistico insieme a Nicola Bonazzi e Micaela Casalboni. Dal 2000 a oggi dirige l’ITC Teatro di San Lazzaro, sala da 220 posti alle porte di Bologna che, con 30.000 spettatori all’anno, più di 200 giornate di apertura, oltre 4.000 iscritti ai laboratori e una rete di partner istituzionali e privati che coinvolge sul piano progettuale circa 200 soggetti, è diventata un punto di riferimento in campo nazionale e internazionale non solo sul piano artistico ma anche nell’ideazione e realizzazione di progetti speciali legati ai temi interculturali, sociali, educativi e didattici.