SEMINARIO Il capitale umano Amministrazione e distribuzione per il teatro

SEMINARIO
Il capitale umano. Amministrazione e distribuzione per il teatro – II edizione

Milano, Piccolo Teatro Eurolab, 22 e 23 novembre 2019

Il seminario “Il capitale umano. Amministrazione e distribuzione per il teatro” è rivolto a quanti, fra gli organizzatori teatrali, si occupano di amministrare una compagnia o un teatro e desiderano approfondire e sistematizzare le proprie conoscenze e le proprie pratiche. I docenti, tutti professionisti del settore, porteranno la propria esperienza concreta condividendola con i partecipanti, toccando argomenti come: i rapporti con le istituzioni e i rendiconti a enti pubblici e privati; la sostenibilità economica e gestionale di un progetto teatrale; la vita quotidiana di una compagnia indipendente, il caso di Carrozzeria Orfeo; distribuire uno spettacolo presso un festival, una struttura teatrale, da parte di una compagnia indipendente.

Dove: il seminario si terrà presso il Piccolo Teatro Eurolab, largo Greppi 1, Milano (MM2 LANZA)

Quando: venerdì 22 novembre, dalle 14:00 alle 18:30 e sabato 23 novembre dalle 9:30 alle 19:00

Gli argomenti e i docenti dei moduli di lezione:

Distribuire uno spettacolo a un festival –  Isabella Lagattolla (Festival delle Colline Torinesi)
Distribuire gli spettacoli per una compagnia indipendente – Michele Mele (compagnia stabilemobile, Anagoor, Gruppo Nanou)
Distribuire uno spettacolo a una struttura teatrale – Gianmaria Monteverdi (Teatro dell’Elfo di Milano)
La sostenibilità economica di un progetto: budget e controllo di gestione – Barbara Rivoltella (Teatro delle Moire, Danae Festival)
I rapporti con gli enti pubblici e privati, progetti e rendicontazioni – Paolo Cantù (Fondazione I Teatri di Reggio Emilia)
La vita quotidiana di una compagnia indipendente

Costo: € 135; la quota è comprensiva di un abbonamento annuale alla rivista Hystrio (del valore di € 35). Le iscrizioni si chiuderanno il 11 novembre o al raggiungimento del numero massimo di 50 partecipanti.
Il costo comprende la frequenza ai sei moduli del corso, della durata complessiva di 12 ore e il materiale didattico fornito dai docenti, un abbonamento annuale alla rivista Hystrio.

Modalità d’iscrizione:
– bonifico sul conto corrente:
Codice Iban IT66 Z076 0101 6000 0004 0692 204, intestato a: Hystrio – Associazione per la diffusione della cultura teatrale, via Olona 17, 20123 Milano.
Causale: seminario Hystrio – novembre 2019

– versamento tramite bollettino su c/c postale n. 40692204 intestato a: Hystrio – Associazione per la diffusione della cultura teatrale, via Olona 17, 20123 Milano.
Causale: seminario Hystrio – novembre 2019

Per informazioni:
Hystrio – redazione e segreteria
via Olona 17, 20123 Milano
tel. 02.40073256
email: segreteria@hystrio.it

Programma delle lezioni

Modulo: Il quadro normativo, a cura di Paolo Cantù

Il quadro normativo, geografia del teatro italiano
Alla luce dei Decreti Ministeriali del 2014 e del 2017 che hanno profondamente ridisegnato il complesso mondo dello spettacolo dal vivo italiano, proveremo a capire insieme quali sono le competenze richieste a un organizzatore teatrale, il quadro normativo entro il quale si muove, le strategie da mettere in atto e gli errori da evitare nella elaborazione di un progetto, nella produzione e nella proposta di vendita di uno spettacolo: dagli assetti del settore ai dai costi di produzione, dal foglio-paga agli strumenti per produrre e progettare.

Paolo Cantù, laureato in Filosofia, nel 2001 inizia a lavorare nell’ambito dello spettacolo dal vivo e, dopo brevi esperienze, assume l’incarico di direttore organizzativo al Teatro della Cooperativa di Milano; negli stessi anni collabora con altre strutture (Festival Teatro Europeo, Festival Uovo, Nudoecrudo Teatro). Nel 2007 diviene direttore organizzativo e amministrativo della Fondazione Teatro Piemonte Europa di Torino – teatro stabile d’innovazione – dove si occupa sia della stagione invernale sia del Festival Teatro a Corte, rassegna internazionale di arti performative. Direttore organizzativo e amministrativo del Teatro Franco Parenti di Milano, teatro stabile privato diretto da Andrée Ruth Shammah, dal 2012 al 2015. Attualmente dirige il Circuito regionale piemontese. Da gennaio 2018 diverrà direttore generale della Fondazione I Teatri di Reggio Emilia.

 
Modulo: Distribuzione: le strutture teatrali, a cura di Gianmaria Monteverdi

Come proporre uno spettacolo teatrale… ed essere felici
Il lavoro del distributore teatrale può essere un percorso a ostacoli. Come resistere e “portare a casa” i risultati e questione di metodo. Un percorso possibile? Ecco alcune questione che toccheremo con Gianmaria Monteverdi: 1) la preparazione in vista del debutto (materiali, inviti, recall); 2) i contributi video (trailer vs integrale); 3) la tempistica esatta per l’invio dei materiali; 4) non sbagliare bersaglio; 5) stressare o non stressare? questo il dilemma.

Gianmaria Monteverdi, classe 1975, dal 1994 lavora presso il Teatro dell’Elfo, per il quale cura la distribuzione degli spettacoli di produzione e i rapporti con le agenzie letterarie per la gestione dei diritti d’autore. Si occupa inoltre del cartellone degli spettacoli ospiti, collabora con il settore marketing, con cui condivide le strategie promozionali della stagione e l’analisi dei dati di affluenza del pubblico, per l’elaborazione dei percorsi di approfondimento da proporre ai vari target di riferimento del Teatro (in particolare studenti e universitari). Rappresenta inoltre il Teatro dell’Elfo presso Agis Lombarda/Platea.

Modulo: Distribuzione: il lavoro di una compagnia indipendente, a cura di Michele Mele

La distribuzione, ovvero un “mercato” per ogni “prodotto”
Cosa significa distribuire uno spettacolo? In che modo un oggetto artistico può essere gestito come un prodotto di mercato? Come definire un progetto promozionale adeguato per ogni spettacolo? Con questi e a altri quesiti sullo sfondo proveremo, attraverso simulazioni e piccoli esercizi, a definire le specificità della distribuzione nel più ampio quadro dell’organizzazione teatrale.

Michele Mele si laurea presso La Sapienza di Roma in Lettere Moderne e frequenta il Master in Management per lo Spettacolo dal Vivo dell’Università Bocconi di Milano. Dal 2006 al 2011 lavora presso il Nuovo Teatro Nuovo di Napoli occupandosi di Distribuzione, Comunicazione e del Premio Nuove Sensibilità; ad aprile 2010 cura TUNZ, rassegna di compagnie italiane emergenti che riceve il sostegno del Comune di Napoli e diventa assistente di Antonio Latella alla direzione artistica. È stato membro di S.P.A.C.E. (Supporting Performing Arts Circulation in Europe – 2009/2011) e da agosto 2011 è Vice Presidente e art manager di stabilemobile compagnia Antonio Latella. Si occupa di formazione in Organizzazione Teatrale collaborando con varie strutture: Accademia Nazionale di Arte Drammatica Silvio D’Amico di Roma (docente dal 2013), Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano, Centro Teatrale Santa Cristina, Hystrio, Cassiopea Teatro. Dal 2016 lavora con Centrale Fies curando la promozione di Anagoor nell’ambito del progetto Fies Factory e dal 2018 cura il managing del progetto Ultra con gruppo nanou e Masako Matsushita.

Modulo: Amministrazione: project management e controllo di gestione,
a cura di Barbara Rivoltella

Budget e project managing, ovvero gestire le proprie risorse
Come organizzarsi per gestire il budget, il tempo e le risorse, e rendere ancor più sostenibile il nostro lavoro? Come leggere e scrivere un bando di contributo­, pianificare il progetto e poi gestirne il suo decorso? Prenderemo visione di alcuni utili strumenti operativi e, oltre a dei cenni generali di budgeting e project managing, il modulo sarà impostato sulla testimonianza diretta e lo scambio con le esperienze dei presenti.

Barbara Rivoltella è project manager e consulente artistica di Danae Festival, a cura del Teatro delle Moire, con cui collabora dal 2002. Ha collaborato come coordinatrice di progetti e tutor presso il MEC – Master in Eventi Culturali dell’Almed – Università Cattolica, dove tuttora conduce saltuariamente laboratori di pianificazione economica. Tiene brevi docenze anche in altri corsi specialistici, e consulenze per associazioni culturali. Dal 2009 collabora con la Mostra del Cinema di Venezia come responsabile di protocollo del red carpet. Ha iniziato a lavorare nel settore contemporaneamente agli studi di filosofia, fondando nel 1999 Reinventa, festival dedicato a linguaggi contemporanei, che ha curato per 7 anni.

Modulo: Distribuzione: rapporti con festival, a cura di Isabella Lagattolla

Distribuire uno spettacolo presso un festival: istruzioni pratiche
Attraverso l’esperienza di Isabella Lagattolla e partendo dall’esempio del Festival delle Colline Torinesi, formuleremo un vademecum contenente gli accorgimenti pratici, le istruzioni necessarie, le modalità, le tempistiche e gli errori da non commettere per proporre le proprie produzioni a festival e rassegne.

Isabella Lagattolla. Laureata all’Università di Torino, insegnante, si è formata in campo teatrale al II Corso ETI per organizzatori e amministratori teatrali diretto da Fulvio Fo. Ha ricoperto ruoli organizzativi al Teatro Franco Parenti di Milano, al Gruppo della Rocca e al Teatro Stabile Privato Torino Spettacoli. Responsabile delle Iniziative Speciali al Settore Comunicazione e Immagine del Gruppo GFT, ha collaborato con il Teatro Stabile Torino per produzioni e ufficio stampa. Fondatrice del Festival delle Colline Torinesi, lo codirige con Sergio Ariotti dal 1996. È stata in giuria a Rigenerazione, progetto del Sistema Teatro Torino per giovani compagnie locali, nel 2012 ha selezionato i progetti teatrali per il bando Movin’up del Gai. Giurata alla finale del Premio Scenario 2013, ha fatto parte della giuria di IETM 2015 e del Premio Petroni dal 2016. Partecipa da vari anni al tavolo di lavoro AGIS Teatro Danza Piemonte.

Modulo: Amministrazione: il caso di una compagnia indipendente, a cura di Luisa Supino

Organizzare una compagnia di giro indipendente
cosa fare prima, durante e dopo una tournée?
Dall’esperienza diretta e sul campo, proveremo a mettere a fuoco le principali attività che un organizzatore di compagnia deve svolgere durante una giornata tipo in tre fasi cruciali della vita di una compagnia indipendente: la fase di produzione, di organizzazione della tournèe e a tournèe conclusa, quando si tirano le fila del lavoro svolto. Come occuparsi di tutto senza pre-occuparsi eccessivamente.

Luisa Supino si avvicina al teatro come attrice formandosi alla Scuola d’Arte Drammatica “Nico Pepe” di Udine, successivamente passa all’organizzazione, studiando a Milano alla Scuola Civica “Paolo Grassi”. Trascorre un anno imparando molte cose a Ravenna Teatro/Teatro delle Albe. Il servizio civile presso Arci Mantova le permette di approfondire il mondo dell’associazionismo e di conoscere meglio il tessuto culturale del proprio territorio. Da 10 anni è responsabile organizzativa e socia fondatrice di Carrozzeria Orfeo, compagnia teatrale autonoma pluripremiata, diretta da Gabriele Di Luca e Massimiliano Setti, apprezzata dal pubblico e dalla critica, con alle spalle otto spettacoli e la concretizzazione come capofila di tre progetti sostenuti da Fondazione Cariplo. La compagnia vanta numerose collaborazioni e coproduzioni con Teatri, Residenze e Festival tra i più rilevanti del Teatro Italiano. www.carrozzeriaorfeo.it